Uomini e poesia

  Da poco meno di un anno navigo per i blog e con mio felice stupore trovo sempre più spesso blog di poesia curati interamente da uomini. Evidentemente deve esserci un buon numero di uomini che apprezzano, se non anche scrivono, le poesie. E scrivono d’amore, ma non solo. Ciò che mi chiedo è: nella vita reale, dove sono? Possibile … Continua a leggere

Ancora Neruda per il mio pucci

  Toglimi il pane, se vuoi, toglimi l’aria, ma non togliermi il tuo sorriso. Non togliermi la rosa, la lancia che sgrani, l’acqua che d’improvviso scoppia nella tua gioia, la repentina onda d’argento che ti nasce. Dura è la mia lotta e torno con gli occhi stanchi, a volte, d’aver visto la terra che non cambia, ma entrando il tuo … Continua a leggere

Di Pablo Neruda

    Se saprai starmi vicino, e potremo essere diversi, se il sole illuminerà entrambi senza che le nostre ombre si sovrappongano, se riusciremo ad essere “noi” in mezzo al mondo e insieme al mondo, piangere, ridere, vivere. Se ogni giorno sarà scoprire quello che siamo e non il ricordo di come eravamo, se sapremo darci l’un l’altro senza sapere … Continua a leggere

Pioggia

  L’amore non ha altro desiderio che quello di realizzarsi, ma se amate ed è inevitabile che abbiate dei desideri, fate in modo che essi siano questi: svegliarsi all’alba con le ali al cuore e ringraziare per un altro giorno d’amore. Ragione e passione sono timone e vela della nostra anima navigante. K. Gibran

Lentamente muore – di P. Neruda

Muore lentamente chi si rende schiavo delle sue abitudini, chi ripete ogni giorno un tragitto sempre uguale, chi non cambia marchio, chi non osa indossare colori nuovi e non parla con chi non conosce. Muore lentamente chi fa della televisione il suo guru. Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i punti sulle “i” … Continua a leggere

DAll’antlogia di Spoon River

  Non smetterà mai di commuovermi FRANCIS TURNER (Un malato di cuore) Non potevo correre o giocare da ragazzo. Da uomo potevo solo sorseggiare dalla coppa, non bere – perchè la scarlattina mi aveva lasciato il cuore malato. Ora giaccio qui confortato da un segreto che nessuno tranne Mary conosce: c’è un giardino di acacie, di catalpe, e di pergole … Continua a leggere